I seminari del secondo livello

Il percorso annuale di secondo livello in presenza consta di sei seminari e due gite ed include una parte pratica ed esperienziale.
Per accedere al secondo livello è necessario aver terminato il primo livello.

Docenti: Micaela Balìce e Nicola Diego Dentico

Astrologia Medica – 32 ore

Simboli astrologici e meditazioni planetarie: anche nella tradizione popolare le conoscenze sull’influenza degli astri sono passate e sono state tramandate come indicazioni per migliorare la sinergia tra energia del rimedio e individualità della persona.
In particolare l’influenza planetaria sulle segnature e quella della luna sui liquidi, le gravidanze, i parti e sullo stato di salute in generale.

In questo seminario:
Simboli astrologici
Influenze dei 7 pianeti e sciamanesimo tradizionale
Meditazioni astrologiche
Influenze lunari sulla salute e sulla malattia
Segni zodiacali e anatomia
Segnature astrologiche sulle erbe

Docente: Micaela Balìce

Santeria popolare italiana – 16 ore

La preghiera è il primo metodo di cura utilizzato dai popoli nel tempo e nello spazio, come concordano studiosi di vari campi.
La devozione per i Santi è una delle tradizioni più profonde e tenaci della nostra cultura italiana e vede Santi specializzati in particolari malattie “a cui votarsi”.
Il rituale e la preghiera sono fondamentali per mantenere viva la speranza e di conseguenza quegli ormoni che lavorano per innalzare le nostre difese immunitarie.
Recuperare il culto dei santi guaritori secondo la tradizione italiana è un modo per approfondire la consapevolezza degli strumento di auto-guarigione di cui siamo naturalmente dotati oltre che di recuperare la visione mistica dell’esistenza secondo la nostra tradizione.

In questo seminario:
Il culto dei santi in Italia
Pensiero magico e spiritualità
I santi guaritori

Tecniche di divinazione come tecniche di introspezione creativa – 16 ore

L’utilizzo del linguaggio simbolico e archetipale come strumento di introspezione (che diventa chiaro-veggenza: vedere con chiarezza) è antico quanto l’uomo.
Che siano i biblici sassolini bianche e neri, i gambi dell’achillea dell’I-Ching o le carte dei tarocchi, l’uomo sa entrare in contatto con il linguaggio simbolico e trovare, attraverso quella che Jung ha chiamato sincronicità, un nesso con le risposte che cerchiamo e le conoscenze che abbiamo incamerato ma che non sono sempre razionalmente disponibili.
In questo percorso verranno indagati i metodi divinatori tipici della tradizione italiana, le loro potenzialità ed i loro limiti nell’uso in medicina popolare.

In questo seminario:
storia e metodi divinatori
linguaggio simbolico e archetipi
la mente intuitiva e gli stati meditativi
strumenti e tecniche tradizionali (specchi, carte, radiestesia)

Docente: Nicola Diego Dentico

Interpretazione ed incubazione dei sogni – 16 ore

Come la psicologia ben sa, il sogno è la porta della nostra conoscenza inconscia ed inconsapevole. Non solo: riallaccia il nostro corpo alla nostra mente permettendo una sorta di defrag psicofisico che riaggiusta, guarisce a modo suo la percezione del sé, fisica oltre che psichica.
Utilizzare il sogno come tecnica di indagine e di cura, fa parte delle medicine popolari sin dalla notte dei tempi.
Anche nella medicina popolare italiana il sogno è sempre stato tenuto in grande considerazione non solo come ampliamento della visione ma anche come potenziale luogo di intrusioni altre.

In questo seminario:
Il sogno nella tradizione popolare italiana
Sogno e sciamanesimo
Tecniche di interpretazione e incubazione dei sogni

Funghi, Folletti e spiriti di natura – 16 ore

La tradizione curativa e terapeutica di funghi appartiene alla cultura tradizionale italiana ed è intimamente legata non solo alla conoscenza del proprio territorio boschivo ma anche alla capacità di entrarci in relazione in modo equilibrato e armonico.
La letteratura scientifica è vasta rispetto alle proprietà terapeutiche dei funghi (micoterapia) che, grazie al fatto di essere una categoria a sé, permettono di riequilibrare il nostro sistema immunitario e migliorare lo stato di benessere.
Nella tradizione popolare italiana, inoltre, esistevano una serie di spiriti di natura, trasformatici poi in spiritelli e folletti, che erano a protezione del bosco, delle fonti ma anche delle case: elementali che permettevano di entrare in relazione con la natura in modo armonico.

In questo seminario:
Micoterapia e cura coi funghi: storia e metodologie
Il bosco come luogo sacro
Spiriti di natura e silvoterapia nella tradizione italiana

Due gite: 4 ore
Per un totale di 100 ore

Le gite

Verranno proposte quattro gite tra le seguenti che non si sono effettuate nel primo anno:
• Museo di Etnomedicina A. Scarpa, Genova
• Aosta: Collegiata dei santi Pietro e Orso ed i misteri del pre-cattolicesimo
• Parco del Santuario di Crea (Al) e riconoscimento erbe spontanee
• S. Secondo di Cortazzone (At) simboli di guarigione nell’architettura romanica
• Santuario di Oropa (Biella): il potere di guarigione nel culti delle Madonne Nere

Workshop Amuleti

Per essere sempre aggiornati o conoscerci meglio seguici su FB 

)O(

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...